Ernia del cavolo

Ernia del cavolo sintomi

Si chiama ernia del cavolo,il batterio che per prime attacca le radici di una pianta; l’infezione tende poi ad allargarsi a tutta la superficie della pianta stessa, fino ad arrivare alle foglie. La sintomatologia, è abbastanza chiara, infatti si manifesta con una secchezza di foglie e fiori, che si accartocciano e si staccano dai rami con estrema facilità. La pianta secca e muore in poco tempo, a volte prima che possa essere curata. L’ernia è l’equivalente di un tumore dal quale la pianta difficilmente può guarire e che difficilmente può essere individuata anzi tempo.Durante il petriodo in cui il fungo si sviluppa, la pianta non manifesta sintomi. Nella fase esplosiva della malattia, la pianta è cosparsa di macchie gialle, e manifesta la tendenza alla secchezza. E' importante sapere come riconoscere e sconfiggere questo micelio.
cavolo

Semillas Batlle 710870UNID - Fertilizzante per cactus, 400 ml

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,28€


Ernia del cavolo cure

ernia soluzioni I terreno ideale che favorisce il proliferare del fungo, sono quelli umidi,che si presentano ricchi di ristagni idrici, principale causa di attacchi fungini ed altri batteri. I terreni duri, solidi e compatti, invece, non subiscono l’attacco di questo tumore, poiché il micelio non ha la possibilità di svilupparsi. L'osservazione costante è l'unica soluzione possibile per rilevare la presenza di alterazioni possibili nella pianta. Spesso il batterio agisce e non si potrà intervenire in alcun modo. Proprio perché, è difficile individuare (per tempo) questo tipo di patologia fungina, e proprio perché è difficile curarla, è preferibile estirpare la pianta, oppure bruciarla insieme a quelle limitrofe che potrebbero aver subito il contagio.

    VISCHIO ENTOMOLOGICO NON VELENOSO PER IL CONTROLLO DEGLI INSETTI TUBETTO DA 135 GRAMMI

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 16€


    Metodi preventivi ernia

    cavolo soluzioni ernia Non esistono cure che possano risolvere il problema, ma esistono soluzioni preventive, che potrebbero salvare la pianta. Tutto parte dalla causa principale che attanaglia tutte le piante orticole e da frutto, ovvero l’umidità del terreno, ed i ristagni. Le irrigazioni andranno eseguite con parsimonia, una o due volte al mese, versando poca acqua, il terreno dovrà essere miscelato e il cavolo andrà piantato in zone dal clima mite. Oltre al cavolo anche piante similari, sempre da orto, possono essere attaccate. Tra queste vi sono il cavolo ed il broccolo. L’ernia è una patologia pericolosa, che potrebbe danneggiare interi raccolti e dunque potrebbe causare gravi danni non solo al cavolo, ma anche alle piante vicine, che per l’appunto vanno controllate, poichè potrebbero essere state contaminate, irrimediabilmente.




    COMMENTI SULL' ARTICOLO