Eco design

Cosa è l'ecodesign

Quando si parla di ecodesign le prime immagini che vengono alla nostra mente sono stanze anticonformiste con arredamenti dalle forme inconsuete e poliedriche. In realtà il grande obiettivo di oggi è rendere ogni complemento e oggetto che utilizziamo nelle nostre abitazioni a basso impatto ecologico. L'attuale presa di coscienza sulle limitate riserve di fonti energetiche fossili e minerali ha portato l'industria dell'arredamento e dell'architettura d'interni alla ricerca di nuovi processi produttivi, incentrati su materie prime riciclate o facilmente riciclabili e un utilizzo parsimonioso di energia durante le varie fasi di produzione, dalla linea industriale vera e propria fino all'imballaggio, stoccaggio e distribuzione. Questa la nuova frontiera da raggiungere del design eco sostenibile.
Esempio di ecodesign

Black&Decker DV1815 Dustbuster Aspirapolvere

Prezzo: in offerta su Amazon a: 99,9€
(Risparmi 30€)


Design ecosostenibile

Shell Chair di Eames Arredare la propria casa secondo il principio del design ecosostenibile non deve comportare la rinuncia allo stile o a complementi d'arredo di qualità. Durevolezza e solidità sono infatti tra le principali caratteristiche di questa corrente di pensiero, proprio per ridurre la quantità di rifiuti e di materiale di scarto tipici di mobili di scarsa fattura. Alcuni esempi di complementi e oggetti che hanno fatto la storia del design e che oggi sono stati convertiti in progetti ecosostenibili sono la Shell Chair dei fratelli Eames, icona di stile che attualmente viene fabbricata con fibra di vetro prodotta con tecniche a basso impatto ambientale e negli stessi colori della sedia originale. Anche Kartell, la nota casa milanese ha abbracciato questa scelta nella produzione di lampade e sedute.

  • Alcune note La sicurezza in casa è oggi uno dei must all’interno delle nostre abitazioni. Senza dubbio occorre fare un chiarimento iniziale e comprendere a cosa è giusto fare riferimento ogni qual volta sentiamo ...
  • Ristrutturazione La ristrutturazione di uno spazio, è il risultato finale di una serie di operazioni che vengono effettuate per realizzare un progetto: una ristrutturazione è un insieme di passaggi in successione, col...
  • relax La casa è uno spazio pulsante e vivo, dove il design incontra la scelta di uno stile, dove la funzionalità e l’estetica disegnano linee architettoniche sempre nuove, essenziali, eleganti, barocche, se...
  • Carta da parati salotto La carta da parati è più costosa rispetto ad una comune vernice ma ha il vantaggio di resistere a lungo nel corso degli anni senza deteriorarsi. Le nuove tipologie di carte attualmente sul mercato, so...

Argoclima Soul Digit Termoconvettore Digitale Turbo Timer, Nero

Prezzo: in offerta su Amazon a: 49,99€
(Risparmi 24,91€)


Come arredare la casa minimalista

Esempio di ambiente minimalista Rimanendo fedeli al proprio stile e alle scelte personali è possibile arredare la propria casa nello stile minimalista, seguendo poche semplici regole. Prima di tutto no al superfluo, spesso in casa accumuliamo oggetti inutili e ingombranti che una volta gettati comportano un enorme dispendio di energia per essere smaltiti correttamente, pochi mobili fabbricati con materiali riciclabili o a basso impatto saranno sufficienti per contenere tutto quello che serve per il normale svolgimento delle attività familiari. Lo stile scandinavo si può considerare un esempio di minimalismo, con complementi puramente in legno non trattato, tessuti naturali e molto spazio libero. Particolare attenzione si dovrà prestare anche all'illuminazione, che dovrà essere ben progettata e a fluorescenza.


Eco design: Caratteristiche del tessuto tecnologico

Pouf in tessuto tecnologico A differenza delle fibre naturali, pregiate ma spesso poco resistenti o non adatte ad impieghi che prevedono un'azione meccanica continua e invasiva, le fibre e i tessuti tecnologici sintetizzati a partire da biopolimeri sono più prestanti, resistendo facilmente allo sfregamento o alle lunghe esposizioni agli agenti atmosferici. Le ultime scoperte in ambiente tessile hanno portato alla fabbricazione di tessuti sintetici derivati da lana o cotone, adatti ad impieghi tecnici ma che mantengono le stesse caratteristiche di naturalezza. Affiancati a queste troviamo anche filati di bambù e soia che una volta trattati con processi a basso impatto ambientale si traducono in tessuti dall'aspetto simile a quello della seta, solo più resistente, di facile manutenzione e con un costo decisamente inferiore sia in tema di produzione che di vendita al dettaglio.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO